×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Mangiare in Viaggio

I segreti della gastronomia cinese

di redazione | Apr 25, 2020

Vi siete mai chiesti come nasce e  quali sono le caratteristiche della gastronomia cinese?

La cucina cinese ha grande notorietà in tutto il mondo. Grazie infatti alle numerose comunità cinesi presenti in ogni angolo del pianeta (le famose Chinatown)  esiste una moltitudine di ristoranti dai sapori unici.

La tradizione culinaria in Cina ha radici molto profonde nella storia del paese . Il popolo cinese sa come dar vita a piatti gustosi utilizzando ingredienti semplicissimi. Per migliaia di anni, la Cina è stata una civiltà agricola e come tale ha conosciuto grandi carestie che hanno portato la popolazione cinese a mangiare qualsiasi cosa fosse commestibile pur di sfamarsi, anche ingredienti inconsueti rispetto alle nostre abitudine alimentari soprattutto dal punto di vista psicologico, come può esserlo la carne di serpente, cane o tartaruga.

In Cina si mangia tutto ciò che vola, nuota e cammina”. Recita così un antico proverbio cinese, che riassume appieno l’essenza della filosofia gastronomica orientale: si mangia tutto ciò che la natura offre, senza tabù alimentari.

In Cina il cibo, non è solo nutrimento per il corpo, ma ha una significato molto più profondo: un pasto ben curato può portare felicità, armonia, benessere fisico e soprattutto mentale.
Per questo, i cuochi cinesi si ispirano alla teoria dello ying e yang: ogni essere vivente si mantiene in salute se dentro di se convivono in equilibrio i due principi, le due forze opposte.
Lo yang rappresenta  il principio maschile e corrisponde a ciò che è caldo e attivo; lo ying rappresenta invece il principio femminile cioè il freddo e il passivo.
E’ proprio in base a queste due forze opposte e complementari che vengono classificate le qualità alimentari dei cibi.
Ogni pasto deve essere in equilibrio tra questi due principi, e deve essere in equilibrio con cinque sapori ben distinti (dolce, amaro, aspro, piccante, salato), cinque consistenze (croccante, morbido, liquido, asciutto, gelatinoso) e tre temperature (freddo, caldo, bollente).