×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Mangiare in Viaggio

L'chaim! Israele e i suoi vini tra tradizione e innovazione

di Elisabetta Canoro | May 26, 2020

Alle origini dell’antica tradizione vitivinicola israeliana, che risale a migliaia di anni fa

Forse non tutti sanno che Israele è una delle più antiche zone al mondo di produzione di vino e la vite è sempre stata un elemento inseparabile nella storia della Terra d’Israele. La cultura del vino risale infatti a migliaia di anni fa, come raccontano le tantissime testimonianze archeologiche che troviamo sparse in tutto il Paese. Ne è esempio la cantina ritrovata a Tel Kabri nel 2013 (con al suo interno 50 giare perfettamente conservate) o al torchio che ha rivisto la luce poco più di un anno fa nel parco di Korazim, risalente a un periodo compreso tra il IV e il VI secolo a.C.

La vite è una delle sette specie agricole tipiche del Paesericordate sempre nei testi Biblici. La prima menzione ad una vigna è nel libro della Genesi, nelle vicende di Noè (Genesi 9, 20-21). Fu solo sul finire dell’800, tuttavia, grazie al barone francese Edmond James de Rothschild, che in Israele nacque una vera e propria cultura imprenditoriale legata al mondo del vino. Nel 1882 fondò la Carmel Winery, una delle cantine più importanti e antiche del Paese nata dall’importazione di vitigni francesi. Nel giro di poco più di un secolo da questa cittadina israeliana nacque una rete di produttori autoctoni che oggi conta un’industria da 65 milioni di bottiglie e di circa 400 aziende vitivinicole.

Dai primi esperimenti sulle alture del Golan, i vini israeliani che oggi sono rinomati in tutto il mondo per la loro qualità e per l’alto tasso di innovazione che le sue cantine adottano. Negli anni ’90 sono nate diverse boutique wineries: piccole realtà locali che producono vini di qualità a prezzi accessibili, offrono tour guidati e degustazioni. Tra gli altri, Vinspiration propone tour di una giornata alla scoperta dei vini israeliani. 

Scopri qui tutte le notizie di Mangiare in viaggio