×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Arte e Cultura

Valencia, il mare, un nuovo orizzonte

di Elisabetta Canoro | Jun 02, 2020

Nasce Marittimo, il nuovo magazine che racconta l'arte con nuovi occhi

Blu, come il mare, come il cielo, come l’infinito. È pulita la copertina di Marittimo, nuovo magazine nato da un’intuizione di quattro giovani ragazze. “Brevi e sporadici impulsi e intuizioni”, per la precisione, che Alice, Ada, Annachiara e Carolina hanno sentito e assecondato. Quasi per caso, quasi per gioco, un pomeriggio, sul divano. “Effettivamente si, stavamo sul divano e smanettando su photoshop è apparsa quella che ora è l’attuale copertina della rivista, e a quel punto ci siamo dette, perché non fare una rivista?”, ci spiega Alice.

Quattro amiche italiane, studentesse di architettura, ‘in trasferta’ a Valencia per seguire il programma Erasmus, che nella città spagnola ogni giorno trovano stimoli e ispirazione. L’idea del magazine quindi è legata a Valencia? “Certo, senza Valencia non ci saremmo mai conosciute e di conseguenza non esisterebbe questo progetto”, ci spiegano. Perché il mare? “Beh qui non c'è tanto da dire. Il mare è il mare”, dicono.

Nessun dubbio sul nome - Marittimo - che, rivelano, alle quattro ragazze è sempre piaciuto, “ancor prima che ci venisse l’idea di realizzare una rivista, è un nome che avremmo scelto di usare sia se avessimo aperto un fruttivendolo sia se avessimo deciso di redigere un giornale, appunto”. Creative, intraprendenti, curiose, attente a tutto ciò che intorno può diventare un nuovo stimolo, un nuovo progetto, le autrici sono appassionate a tutto quello che è il mondo dell’arte. Arte a 360°, che si fa di volta in volta fotografia, cinema, scrittura, disegno, teatro e via dicendo. Ecco allora che l’estro personale non conosce limiti e confini, proprio come il mare.

Così come “Non ci sono temi principali, il tema è libero. Abbiamo pensato che fosse bello che ognuno potesse mettere su carta parte di sé, nella maniera più libera possibile”. Spazio quindi alla sensibilità e alla fantasia di ciascuna, per dar vita ad un progetto a otto mani, che ha visto tutte e quattro impegnate nel creare anche la parte grafica, pulita, fresca, per nulla banale.

Marittimo sarà un mensile, "Vogliamo mantenere l'impronta del primo numero, ossia che in linea generale il tema sia libero, però si è vero che ogni volta proporremo un tema differente che verrà seguito a libera scelta dai partecipanti. Nel prossimo numero si parlerà di Gap Generazionale, un modo per mettersi alla prova, “vogliamo dare forma a delle prospettive che non sono le nostre”. Un’ottima idea per aprire ancora una volta la mente, per esplorare il nuovo, verso nuovi orizzonti,  guardando la linea dell'infinito, oltre il mare, con occhi nuovi. 

Scopri qui tutte le notizie di Arte e Cultura