×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Destinazioni

Unspoiled: la Repubblica Dominicana meno conosciuta

di Redazione | Aug 29, 2020

Esplorare i tesori nascosti nella natura dell’isola dei Caraibi

Apprezzata per le sue spiagge e gli isolotti disegnati da dune di sabbia bagnati da acque turchesi, la Repubblica Dominicana merita di essere esplorata anche per le sue lagune e i parchi naturali ricchi di flora e fauna uniche, dalle grotte naturali che conservano antiche pitture rupestri a luoghi panoramici di rara bellezza.

Tra i luoghi più suggestivi e al contempo meno battuti spicca il Parco Ecologico Humedales de Nigua, dichiarato area protetta nel 2009, è una riserva naturale nella provincia di San Cristóbal, a sud. Ospita oltre cinquanta specie di uccelli, una grande varietà di rettili, numerose piante e laghi che ne arricchiscono la biodiversità, che i più sportivi scoprono avventurandosi in mountain bike tra i percorsi nel verde.

Nella provincia di El Seibo, a Miches, invece, Montagna Redonda regala in quota una panoramica a 360° sulla baia di Samanà e sulle lagune di Redonda e di Limon. È nota anche come Isla de Sal, per l’abbondanza di sale marino delle sue acque, Isla Cabra piccolo isolotto di sabbia bianca, a pochi minuti dalla costa di Montecristi a nord di fronte alla punta del Parco Nazionale El Morro. Lo è, bellissima, di nome e di fatto Playa Bonita: la sua sabbia bianca e le sue alte palme da cocco si affacciano sul paradisiaco mare blu.

Famosa per la sua tranquillità, è anche meta ideale per i più sportivi che qui praticano attività acquatiche come surf, kitesurf, SUP, canoa o body board. Completamente immersa nella foresta, Laguna Dudú è una delle maggiori ricchezze ecoturistiche del comune di Cabrera. È formata da una serie di stagni d’acqua dolce color blu cobalto e turchese. Nei corsi d’acqua alimentati da grotte sotterranee, si pratica kayak, mentre i più coraggiosi possono attraversare la laguna con una zipline sospesi a otto metri di altezza. È inoltre l’unico posto al mondo dove poter praticare speleologia passando da un lago naturale ad un altro.

All’interno del Rancho Capote, sulla strada che collega Hato Mayor e Yerba Buena, la Grotta Fun Fun è punto di partenza per escursioni a cavallo attraverso la foresta tropicale, accompagnati da guide esperte. Nella grotta, scendendo con una corda, si possono esplorare le magnifiche connessioni tra tunnel sotterranei, corridoi giganti, antichi dipinti rupestri, stalattiti e stalagmiti con il sottofondo dei suoni naturali prodotti dai fiumi sotterranei delle cave. In montagna, a soli dieci minuti dal centro di Jarabacoa, il parco la Confluencia si apre alla confluenza dei fiumi Jimenoa e Yaque del Norte che creano piccole piscine tra le rocce. È perfetto per una gita in famiglia: per le ampie piazzole erbose e le rilassanti passeggiate a cavallo che si possono fare.

Nel nord della destinazione di Cabarete, la laguna è meta prediletta di appassionati di sport avventurosi come kiteboarding, windsurf e laser sailing per le acque calde e le condizioni di vento perfette. Di fronte, all’interno del Parco Nazionale El Choco, si aprono grotte che in passato ospitavano gli Indiani Taino da visitare con tour guidati. Acqua trasparente e una distesa di sabbia bianca caratterizzano Bahia de Las Águilas, nel sud ovest, nella provincia di Pedernales, all’interno del Jaragua National Park. Da molti considerata la spiaggia più bella di tutta la Repubblica Dominicana, vanta otto chilometri di paesaggio carsico, che abbraccia l’intera costa e un ricco patrimonio floreale marino. Nella regione sud-occidentale, le Dune di sabbia di Baní sono disegnate da colline sabbiose che si innalzano fino a 35 metri. L’area è costituita da 20 chilometri quadrati di valli e montagne sabbiose sulle quali è possibile arrampicarsi e ammirare, da un lato, il panorama della Playa Las Salinas, paradiso dei surfisti, e, dall’altro, la splendida baia di Las Salina.

Scopri qui tutte le Destinazioni