×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Mangiare in Viaggio

Il Ristorante Lino di Pavia scopre la sua anima gourmet

di Redazione | Oct 15, 2020

Andrea Ribaldone e Federico Sgorbini raddoppiano l’offerta gastronomica e gli spazi del locale nel centro storico

Con l’apertura di una seconda sala e una scenografica cucina ‘open’, la proposta culinaria del Lino raddoppia per offrire nuove esperienze gastronomiche. Ubicato nel centro storico di Pavia, il ristorante amplia così gli spazi e arricchisce la sua proposta dando vita al Lino-Gourmet, a partire dal 21 ottobre. L’idea è degli chef Andrea Ribaldone e Federico Sgorbini che, grazie ad un importante progetto di ampliamento, affidata all’Interior Designer Andrea Derudi, aprono le porte del nuovo ‘ristorante gastronomico’, un accogliente ‘salotto’ dallo stile decò e contemporaneo.

Pregiate carte da parati in tessuto lino e velluto dalle calde tonalità del marrone si fondono con inserti in marmo rosso Levanto alle pareti, il parquet in rovere massello lavorato nero esalta invece le delicate nuance dei 5 tavoli rotondi. Il camino al centro della sala, i dettagli in ottone, il gioco di luci creato dalle ampie vetrate e dalle lampade di vero modernariato, completano l’atmosfera. Fulcro del nuovo ristorante gourmet è indubbiamente la cucina, non solo nei piatti, ma anche negli spazi.

Nessun ‘confine’ tra i fornelli e la sala, ma un ambiente ‘open’ pensato per dialogare e interagire con gli ospiti. Un vero esempio di design all’avanguardia che si fregia della firma del noto Kitchen Designer Andrea Viacava. Altamente funzionale e moderna, è dotata delle migliori accortezze e soluzioni eco-friendly, ed acciaio e marmo di Carrara si alternano armoniosamente. È qui, in uno scenografico live cooking, che gli chef Ribaldone e Sgorbini realizzano i nuovi patti ideati nel rispetto delle tradizioni del territorio e delle materie prime, e racchiusi in 4 menù degustazione. Tre, quattro, sei portate fino a un coinvolgente ‘mano libera’, quest’ultimo riservato solo per chi siederà all’ambito “chef’s table”: il tavolo, in essenza di palissandro con inserti in ottone nero lucido, che elegantemente trova spazio davanti al bancone della cucina e diventa il punto d’incontro tra l’estro creativo degli chef e l’esclusività di un’esperienza gastronomica personalizzata.

Scopri qui tutte le notizie su Mangiare in Viaggio