×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Arte e Cultura

Oculus, la stazione della metro più costosa al mondo

di Redazione | Jan 14, 2021

È l’hub più costoso al mondo, quello realizzato dall’archistar spagnolo per New York City
 

Non è nuova (giovane sì, però), ma sicuramente è tra le architetture più scenografiche che varrà la pena riscoprire non appena potremo tornare oltreoceano e atterrare nella Grande Mela. O meglio, arrivare in stazione, dato che si tratta del World Trade Center Transportation Hub realizzato dall’archistar Santiago Calatrava, meglio conosciuto con il nome di Oculus, il famoso nodo di trasporto della città di Lower Manhattan , che si snoda nell’area sotterranea tra la torre 2 e la torre 3 del World Trade Center.

Spettacolare, l’immensa volta in vetro che tende al cielo disegnata dall’architetto valenciano, rappresenta una colomba bianca liberata dalle mani di un bambino., simbolo di rinascita della città di New York e di Manhattan, che è stata capace di risollevarsi dopo l’11 settembre 2001. Inaugurato il 3 marzo del 2016, dopo 12 anni di lavori e un investimento di oltre 4 miliardi di dollari che lo ha reso “l’hub di trasporto più costoso del mondo“, mette in collegamento 11 linee della metropolitana, i treni Path e l’Hudson Ferry Terminal, ma è anche il punto di accesso principale per raggiungere il World Trade Center, il 9/11 Memorial ed il Brookfield Place.

Il World Trade Center Transportation Hub vede transitare ogni giorno migliaia di persone, tra turisti e lavoratori, newyorkesi e pendolari. La stazione metropolitana è composta da sei piste ferroviarie che possono essere raggiunte attraverso quattro grandi piattaforme a isola.

Architettonicamente, Oculus è plasmato dalla maestosa volta in vetro per la quale Calatrava si è ispirato all’oculo della cupola del Pantheon di Roma, sorretta da una struttura in acciaio che raggiunge un’altezza di circa 50 metri. La luce solare filtra dall’esterno attraverso i pannelli in vetro, dando vita ad un gioco di luci, come il luminoso pavimento in marmo bianco italiano. Oculus è anche il Westfield World Trade Center: oltre 33.000 metri quadrati di superficie, che ne fanno il centro commerciale più grande della Grande Mela, sviluppato su più piani sui lati della struttura, gestito dalla Westfield Corporation.

Scopri qui tutte le notizie di Arte & Cultura