×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Destinazioni

Procida Capitale italiana della Cultura 2022

di Redazione | Jan 19, 2021

La piccola isola campana trionfa battendo splendide città del Belpaese

Sembra un arcobaleno di pastelli Procida. Appena nominata Capitale italiana della Cultura 2022, il famoso set del film Il Postino, l’ultimo dell’indimenticato Massimo Troisi, è un bozzolo di mura irregolari dalle tonalità tenue e sempre diverse, a amano a mano che ci si inerpica sulle strade, ripide, lungo dislivelli sempre nuovi.

È un’isola a metà tra terra e cielo, un luogo ancora poco noto e frequentato, per questo ancor più affascinante. È un fazzoletto di terra ricco di meraviglie, che incanta anche per le sue acque limpide che bagnano tante baie nascoste e spiaggette riparate. Come l’incantevole Chiaiolella, una delle più protette dal vento e adiacente al ponte che collega Procida con la riserva naturale di Vivara.

La piccola isola al largo del Golfo di Napoli ha tenuto testa a città complesse e capoluoghi di provincia, come Ancona, Trapani, Taranto e Bari. Vince Procida, che rappresenta un esempio perfetto di isola del Mediterraneo, con tutta la sua complessità, la sua cultura, la sua identità. A decretarne la vittoria è stato il presidente della giuria Stefano Baia Curioni insime al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini.

La motivazione? “Il contesto dei sostegni locali e regionali pubblici e privati è ben strutturato. La dimensione patrimoniale e paesaggistica del luogo è straordinaria. La dimensione laboratoriale che comprende aspetti sociali di diffusione tecnologica è importante per tutte le isole tirreniche, ma è rilevante per tutte le realtà delle piccole isole mediterranee”. Per la giuria quindi, “il riconoscimento di Capitale italiana della Cultura è un riconoscimento alla capacità di progetto, non alla città più bella o ricca di storia”.

Secondo la giuria, infatti, il progetto presentato da Procida “potrebbe determinare, grazie alla combinazione di questi fattori, un’autentica discontinuità nel territorio e rappresentare un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del paese. Il progetto è inoltre capace di trasmettere un messaggio poetico, una visione della cultura, che dalla piccola realtà dell’isola si estende come un augurio per tutti noi, al Paese, nei mesi che ci attendono”.

Scopri qui tutte le Destinazioni