×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Mangiare in Viaggio

La seconda stella Michelin al Ristorante Santa Elisabetta

di Redazione | Feb 01, 2021

Il segreto del successo? Non solo talento e carisma dello chef Rocco De Santis, ma la condivisione entusiasta di tutta la squadra

Al primo piano della Pagliazza, la torre più antica di Firenze, il Ristorante Santa Elisabetta del Brunelleschi Hotel, nell’accogliente Piazza Santa Elisabetta, accoglie gli ospiti con un perfetto mix di location, storia, arte e décor. Un eccellente equilibrio che, è anche alla base dei piatti dello Chef Rocco De Santis e del suo supermotivato staff.

Dalle parole del Restaurant Manager Alessandro Fè si comprende il segreto del successo. Il cui fondamento traspare nella sofisticata e sorprendente arte culinaria dello chef, unita alla condivisione del team, all’umanità e a un servizio di sala attento e curato nei dettagli. “C’è grande complicità spontanea fra noi membri dello staff ma, anche fortemente voluta da me e dallo Chef. Coltivata con una condivisione e un’assidua comunicazione, sia sul luogo di lavoro sia nel tempo libero”, racconta Alessandro, “Siamo tutti più o meno coetanei e siamo arrivati nello stesso momento topico per il ristorante, fra 2017 e 2019. Ci sentiamo orgogliosi di questa crescita ottenuta per il Santa Elisabetta, ma anche per noi stessi”.

Alessandro cura moltissimo il servizio e il rapporto con i clienti. Come afferma “siamo attenti alla psicologia del cliente, osservandolo e cercando di capire di che tipo di occasione si tratta e con quale spirito ha scelto in nostro ristorante. Per poi raccontare e descrivere con suggestione e conoscenza i piatti”. Ecco perché sono fondamentali le comunicazioni tra sala e cucina ma, anche tra sala e cantina per raggiungere l’eccellenza nell’abbinamento, magari con accostamenti originali e innovative, come proporre gin tonic, sostituendo l’acqua tonica con il Kombucha, abbinato alla Palamita marinata, zucchina in scapece, kefyr cetriolo e menta, al posto del vino bianco. Il Brunelleschi Hotel fa parte degli Esercizi Storici Fiorentini. L’albergo è stato rinnovato in stile classico contemporaneo.

Il Santa Elisabetta è il ristorante gourmet dell’hotel, situato in una sala intima con solo 7 tavoli al primo piano della torre bizantina. È stato insignito dalla Guida Michelin 2021 della seconda stella; ha ricevuto due forchette nella Guida dei Ristoranti d’Italia 2021 di Gambero Rosso e un cappello nella Guida gourmet de L’Espresso 2020. www.ristorantesantaelisabetta.it www.hotelbrunelleschi.it

Scopri qui tutte le notizie su Mangiare in Viaggio