×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Mangiare in Viaggio

Il meglio della cucina gourmet entra in hotel

di Redazione | Feb 25, 2021

Tante nuove collaborazioni coinvolgono rinomati chef in alberghi che apriranno a breve

In attesa di tornare a viaggiare e provare tavole stellate in giro per il mondo , si può cominciare a degustare la cucina gourmet in Italia, in prestigiosi hotel parte di grandi catene alberghiere che investono nel Belpaese.

A cominciare da Milano, dove il gruppo UNA in aprile inaugurerà l’hotel Milano Verticale, 4 stelle superior disegnato da Vudafieri Saverino e centrato sull’offerta gastronomica, affidata ad Enrico Bartolini e Franco Aliberti.

Grande fermento nella capitale, Roma, dove aprirà nel 2022 il ristorante guidato da Davide Puleio all’interno dell’hotel The Chapter, in piazza Augusto Imperatore. Il Bulgari Hotel, nell’imponente struttura ricavata nell’edificio in stile razionalista progettato negli anni Trenta da Vittorio Ballio Morpurgo, ospiterà il Ristorante Niko Romito. Intorno a via Veneto, il gruppo Rosewood è al lavoro nell’ex palazzo della Bnl, acquistato da Antirion Sgr per 190 milioni di euro. L’hotel 5 stelle inaugurerà solo nel 2023, recuperando un altro edificio razionalista della città, progettato da Marcello Piacentini. L’offerta gastronomica si articolerà tra un bistrot italiano contemporaneo, un lobby bar e un bar in terrazza, con vista su Roma.

Poco lontano, in via dei Tolentini il gruppo Marriott: (angolo via San Basilio), aprirà in autunno il primo hotel Edition d’Italia. Il brand nasce dall’incontro tra Marriott International e Ian Schrager, e conta nel mondo già undici strutture. A Roma sta prendendo forma all’interno di un edificio razionalista progettato da Cesare Pascoletti con il solito Piacentini. Oltre alle 95 camere ci sarà spazio anche per un ristorante gourmet con spazi all’aperto, un Punch Room bar e un altro bar in terrazza.

A breve distanza, in via Liguria, a Marriott aprirà entro il 2021 anche con il brand W: W Rome ospiterà 159 camere e suite all’interno di due edifici del XIX secolo, e un’offerta supervisionata da Ciccio Sultano, per la prima volta a Roma. In piazza san Marcello (via del Corso), infine, è quasi pronta la struttura firmata Six Senses, di Neil Jacobs, che aprirà alla fine del 2021 all’interno dello storico Palazzo Salviati Cesi Mellini, costruito nel XVIII secolo. Il nuovo allestimento è stato affidato a Patricia Urquiola, l’albergo avrà in dotazione anche spa, terrazza panoramica e ristorante con cucina incentrata sugli ingredienti locali (e un “misterioso” Alchemy Bar).

In Sardegna sbarca Claudio Sadler per studiare la proposta gastronomica del Resort Puntaldìa, new entry della collezione di Baglioni Hotels & Resorts e membro The Leading Hotels of the World, che all’inizio di giugno debutterà sulla costa nord-orientale della Sardegna, affacciato sull’area marina protetta di Tavolara. Per gli ospiti delle 78 camere – tra suite e ville – come pure per il pubblico esterno, Claudio Sadler curerà il menu del ristorante gourmet Gusto by Claudio Sadler, affiancato da una tavola più informale e da un pool bar.

Non è da meno la Penisola Sorrentina, dove Peppe Guida, chef dell’Antica Osteria di Nonna Rosa, dopo aver annunciato la fine della collaborazione con la Yacht Club Marina di Stabia, si lega all’Hotel &Resort Le Axidie, a Seiano di Vico Equense. Guida sarà consulente dell’intera offerta food (non solo al ristorante, ma anche per eventi e catering), affiancato da Mario Cinque, suo storico collaboratore, qui nel ruolo di executive chef.

Protagonista anche Antonino Cannavacciuolo che a Ticciano (frazione di Vico Equense), dove tutto è iniziato, lo chef ha acquistato una piccola proprietà che, al termine di importanti lavori di ristrutturazione, ospiterà sei camere e una suite, con piscina e parcheggio privato. Si parla anche di un ristorante di pertinenza, per ora in termini di indiscrezione. Oggi il suo gruppo gestisce già il Laqua Charme &Boutique a Meta di Sorrento.

Nella primavera 2022 lo storico Hotel La Palma di Capri (fondato nel 1822, oggi di proprietà di Reuben Brothers) aprirà le porte al pubblico al debutto nella Oetker Collection, che ne sta curando la ristrutturazione per farne la prima struttura italiana presente nel suo portfolio. A supervisionare l’offerta gastronomica dell’hotel sarà Gennaro Esposito, in terrazza e sul tetto dell’hotel, con una duplice proposta incentrata sulla cucina mediterranea.

Ciccio Sultano va infine in scena al San Corrado di Noto. Oltre a ripartire con il Duomo di Ragusa Ibla (dal 28 marzo, e sempre impegnato sul progetto I Banchi, che porta con sé anche diverse collaborazioni con produttori e artigiani locali per promuovere i sapori della Sicilia, gestirà pure l’intera offerta f&b del nuovo resort Il San Corrado di Noto, struttura 5 stelle lusso del circuito Relais & Chateaux.  Sultano ha seguito personalmente la progettazione degli spazi adibiti alla ristorazione, sin dall’allestimento degli ambienti di lavoro per la sua brigata, che gestirà il ristorante gourmet, l’Osteria Grill (dedicata alle ricette della tradizione isolana), il punto ristoro del beach club, le colazioni e il room service.

Scopri qui tutte le notizie su Mangiare in Viaggio