×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Destinazioni

Seychelles, family destination

di Redazione | May 13, 2021

L’arcipelago propone tante attività per tutta la famiglia, dalla caccia al tesoro al diving

Paradiso nel cuore dell’Oceano indiano, le Seychelles non sono solo una meta da sogno per gli adulti, ma anche per i bambini di tutte le età. Non vi sono animali pericolosi e anche dal punto di vista meteorologico non sono soggette ad uragani e tempeste. Il fuso orario durante l'estate europea comporta solo 2 ore di differenza, il che non solo è molto piacevole per i genitori, ma anche per i bambini, che non vengono scombussolati dal jet lag.

Tanti i sentieri escursionistici per grandi e piccini. A Praslin, si opta per una passeggiata nella Vallée de Mai per scoprire questo sito naturale annoverato nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Per il piacere di spostarsi come i Seychellesi, un momento indimenticabile con una passeggiata in famiglia sarà sicuramente quello sul carro buoi, ugualmente a La Digue. A Bird Island, genitori e bambini si lasceranno intenerire da tartarughe giganti ultracentenaria.

Meta dei sogni per un’avventura alla Robinson Crusoe in famiglia: vi è un unico hotel su Bird Island, il suo personale e i clienti dell’hotel sono gli unici abitanti dell’isola, insieme alle tartarughe che vengono regolarmente a deporre le uova sulla spiaggia. A partire dai 10 anni, i più giovani possono inoltre prendere parte alla scoperta dei fondali marini grazie ad un’iniziazione all’immersione “scoperta”, poi passare da “sommozzatore in acqua libera” a “sommozzatore perfezionato in acqua libera”, con certificato. I sommozzatori esperti possono dedicarsi all’immersione su relitti, soprattutto intorno a Mahé, Praslin e La Digue, o partire alla scoperta delle mante giganti.

Ma i più giovani o i meno esperti non sono da meno: in qualunque posto delle Seychelles, maschera e boccaglio sono sufficienti per ammirare i pesci farfalla, gli stoccafissi e persino le aragoste. I parchi nazionali di Sainte Anne e di Port Launay su Mahé figurano tra i migliori siti per incontri sottomarini da mozzare il fiato. E poi c’è la caccia al tesoro. Nel XVII secolo, le Seychelles erano un rifugio di pirati.

Ancora oggi, le leggende di pirati sono dure a morire. A Bel Ombre, nel nord di Mahè, vi sono addirittura degli scavi per cercare un tesoro che sembrerebbe essere stato sotterrato lì 200 anni fa, dal leggendario pirata Olivier Le Vasseur detto “Poiana” (a causa della forma del naso rovinato durante una battaglia), nato nel 1680, nell’estremo nord della Francia e destinato a diventare il terrore dei mari. Era una figura affascinante, colta, appassionata alla cultura classica e all’astronomia. La benda sull’occhio, le cicatrici sul volto, e una mappa del tesoro scritta in codice, lanciata ai curiosi venuti ad assistere alla sua impiccagione, hanno influenzato l’iconografia e l’immaginario collegato al mondo dei pirati. A Bel Ombre è tutt’ora in corso d’opera un’attività di scavo per ritrovare queste ricchezze sotterrate, che si stima ammontino a 200 milioni di euro, secondo alcuni storici.

Scopri qui tutte le Destinazioni