×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Arte e Cultura

Il fascino 'millenario' del South Dakota preistorico

di Redazione | May 20, 2021

La bellezza dello Stato americano per gli appassionati di storia e paleontologia

Forse non tutti sanno che milioni di anni fa, le Black Hills, le Badlands e la prateria occidentale del South Dakota ospitavano innumerevoli specie di dinosauri e altri animali preistorici. Il miglior sito per la caccia ai fossili nel South Dakota è il Badlands National Park. Circa 75 milioni di anni fa un mare poco profondo ricopriva la regione delle Grandi Pianure., oggi il fondo di quel mare appare come una roccia sedimentaria grigio-nera chiamata Pierre (peer) shale, una ricca fonte di fossili. Una varietà di animali fossili sono stati trovati nel Parco da queste creature marine che affondarono sul fondo del mare quando morirono tra cui i cefalopodi (creature simili a calamari), vongole, granchi, lumache, pesci antichi, mosasauri (lucertole marine giganti), pterosauri (rettili volanti), Archelon (tartarughe marine giganti) e Hesperonis (uccello subacqueo simile a un moderno loon).

Le Black Hills sono note per la bellezza naturale, le meraviglie paesaggistiche e le sculture di roccia nelle montagne - Mt. Rushmore National Memorial e Crazy Horse Memorial - fatte dall'uomo. Si scoprono le meraviglie del passato terrestre con una visita al Museum Black Hills Institute a Hill City. E' un viaggio indietro nel tempo per vedere i resti di antiche creature che vagavano terra, cielo e mare nell'era dei dinosauri. Si ammirano tesori minerari provenienti da tutto il mondo, con una sezione speciale dedicata all'area regionale. E' narrata la storia degli esploratori e dei minatori che hanno forgiato il presente e dei cacciatori di fossili che hanno fatto luce sul passato. Ecco una storia del passato che ci parla attraverso il linguaggio della geologia e dei fossili. Il Museum @ Black Hills Institute contiene una vasta collezione di dinosauri, fossili marini, minerali, meteoriti e aree paleontologiche mostre storiche.

Anche il The Journey Museum & Learning Center a Rapid City è un leader nella conservazione del ricco patrimonio geologico delle Black Hills e fornisce una vivida impressione della vita del Dakota durante i tempi antichi. Qui potete avvicinarvi da vicino a più di 500.000 esemplari di fossili, rocce e minerali. Mentre la maggior parte dei musei mostra solo fossili e repliche di scheletri, i dinosauri al The Dinosaur Museum di Rapid City mostrano come erano i dinosauri quando erano vivi.

Nel versante meridionale delle Black Hills, a Hot Springs, il Mammoth Site è una enorme fossa che data 26.000 anni fa ancora oggi sito di scavo paleontologico attivo, con la più grande concentrazione di resti di mammut nel mondo, tanto da essere listato quale National Natural Landmark. Il numero di mammut attuale è 61 ed è l’unica realtà dell'Era Glaciale del suo genere in Nord America ed è diventata una preziosa risorsa educativa per studenti di tutte le età; non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo. Sono stati scoperti anche fossili di altri animali dell'era glaciale: cammello, lama, orso gigante dalla faccia corta, lupo, coyote e cane della prateria per citarne alcuni. Sono stati ritrovati anche fossili di piume d'uccello, scheletri completi di pesci e migliaia di conchiglie di molluschi da questa voragine ormai asciutta.

Ma una delle specie più affascinanti è senza dubbio il Tirannosaurus Rex. Sue è il soprannome dato a uno degli esemplari di Tyrannosaurus rex più grandi, estesi e meglio conservati mai trovati, con oltre il 90% recuperato alla rinfusa, datato oltre 65 milioni d'anni fa. Fu scoperto il 12 agosto 1990 nella Cheyenne River Indian Reservation da Sue Hendrickson, esploratrice e collezionista di fossili, e prese il suo nome Come altri T. rex, Sue, il cui scheletro è oggi esposto al Field Museum of Natural History a Chicago, si erge per quasi 4 metri, misura circa 13 m. in lunghezza e pesa 340 kg. La sua bocca presenta denti seghettati, alcuni delle dimensioni di banane.

Quand'era in vita i Trex rimpiazzavano i denti frequentemente, rinnovando così la dentatura, ma Sue morì di una dolorosa infezione orale. Tutte queste informazioni sono scaturite dall'attento studio dei paleontologi. Oggi chi passa da Faith in South Dakota la “T.rex Capital of the World”, trova un vero e proprio monumento a Sue, ma non è fatto di ossa. E' una scultura di ferro riciclato del noto artista e scultore del South Dakota, John Lopez.

Scopri qui tutte le notizie di Arte & Cultura