×

CATEGORIE

Arte, Cultura e Curiosità
Buona fortuna Dal quadro al viaggio Film di viaggio Libri di viaggio Miti e leggende Riqualificazioni Sai perché Stranezze dal mondo Street tour Viaggi da star
Destinazioni

Digital
App & Startup Nuove tecnologie
Mangiare nel mondo

Partire
Benessere Bimbi a Bordo Borghi d'Italia Esperienze Girl Power Viaggi accessibili Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Shopping
Idee regalo In valigia
Think natural
Ricette di bellezza dal mondo Turismo sostenibile
What's new
Concorsi Eventi Opening Promozioni
Destinazioni

Alla scoperta della Serbia di ieri e di oggi

di Elisabetta Canoro | Mar 12, 2019

Tour nel cuore dei Balcani, tra storia, cultura e festival, da Belgrado a Novi Sad

Crocevia tra Oriente e Occidente, la Serbia è un Paese sempre più apprezzato dal turismo nostrano, da scoprire partendo dalla capitale Belgrado, per poi spostarsi nei dintorni e nella campagna, fino ad immergersi nella natura selvaggia o lungo itinerari tematici, storici e culturali. A poco più di un’ora di distanza dall’Italia, comodamente collegata da voli diretti giornalieri da Roma Fiumicino e Milano Malpensa, oggi si può scoprire anche prenotando i nuovi tour studiati dai Viaggi dell’Elefante.

Imperdibile Belgrado, attiva, creativa e sorprendente, sia di giorno sia di notte, da visitare per le sue tante attrattive: la fortezza di Kalemegdan; la Piazza Nikola Pašic, sede del Parlamento; l’area pedonale tra Piazza della Repubblica, via Knez Mihailova e Piazza Kosancic. E ancora, il Tempio di San Sava, la chiesa ortodossa; il vecchio e il nuovo Palazzo reale: il distretto di Savamala, ex area industriale rivalutata e il quartiere bohémien di Skadarlija.

Nei dintorni della capitale, vale la pena esplorare in primis Novi Sad, nominata Capitale europea della Cultura 2021, caratterizzata dall’elegante centro storico in stile austroungarico dominato dal Forte di Petrovaradin, scenario tutti gli anni del noto Exit Festival. E poi c’è Fruška Gora, i 16 monasteri ortodossi costruiti tra il XII e il XIX secolo sotto diverse scuole artistiche, senza dimenticare i vigneti, tra i più importanti dell’Europa centrale, che dal Medioevo danno vini di grande qualità, da degustare facendo visita alle cantine.

Attraversa il Paese per quasi 600 km il Danubio, che tocca la massima profondità alle Gole di Djerdap, e accoglie ogni anno oltre 60.000 turisti in crociera. Nel sud della Serbia, Niš è una delle città più antiche dei Balcani. Attraversata dal fiume Nišava, si trova all’intersezione delle principali vie europee e balcaniche che collegano l’Europa con il Medio Oriente.

A ovest del Paese, vaste colline circondate da distese boscone ne costituiscono il cuore. Siamo nel distretto di Šumadija, Kragujevac è la città principale, oggi centro economico e finanziario, capitale fino al 1841. In quest’area sorgono anche il Parco nazionale di Tara, una riserva naturale ricco di flora e fauna, perfetta da esplorare sia in inverno sia in estate e Mokra Gora che, con l’omonimo parco naturale, regala paesaggi di straordinaria suggestione.

Monasteri e fortezze sono protagonisti di itinerari tematici di grande interesse. Sono oltre 200 infatti i monasteri medievali, luoghi storici di culto e di arte, dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, dove in alcuni casi si può anche pernottare. Circa una quarantina le fortezze, anche queste parte di patrimonio culturale senza tempo. La Via degli Imperatori è invece il programma che porta alla scoperta dei 16 imperatori romani nati nell’attuale Serbia.

Ad attrarre i turisti sono anche i numerosi eventi in calendario tutto l’anno che, oltre all’Exit Festival atteso in luglio a Novi Sad, spaziano dal Nišville Jazz Festival a Niš, in agosto alla Maratona di Belgrado in programma ad aprile.