×

CATEGORIE

Arte, Cultura e Curiosità
Buona fortuna Dal film al viaggio Dal libro al viaggio Dal quadro al viaggio Miti e leggende New look Sai perché Stranezze dal mondo Street tour Viaggi da star
Destinazioni

Digital
App & Startup Nuove tecnologie
Mangiare nel mondo

Partire
Benessere Bimbi a Bordo Borghi d'Italia Esperienze Girl Power Viaggi accessibili Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Shopping
Idee regalo In valigia
Think natural
Ricette di bellezza dal mondo Turismo sostenibile
What's new
Concorsi Eventi Opening Promozioni
Arte, Cultura e Curiosità | Dal film al viaggio

Un angolo di Sicilia in Tunisia

di Eleonora David | Mar 18, 2019

Nominato ad un Golden Globe e a 14 David di Donatello, Giuseppe Tornatore 10 anni fa con Baarìa girò un film allo stesso tempo divertente e malinconico, destinato a diventare un pilastro del cinema italiano contemporaneo.

Il film racconta un secolo di storia italiana, un secolo complicato tra le due guerre mondiali e l’avvento dei totalitarismi, attraverso gli occhi di tre generazioni di una famiglia siciliana. Fa da protagonista ma al tempo stesso da contorno la storia dell’amore negato tra Peppino Torrenuova e Mannina Scalìa. Stage e spettatore del film la piccola città di Bagheria (Baarìa in dialetto), soleggiata e polverosa nella sua staticità.

Alcune scene del film sono state girate in vari set ricostruiti in Tunisia, vicino ad un sobborgo della capitale Tunisi, a 20km dal centro città. È stato ricostruito il paese con case (anzi soltanto le facciate delle case) fatte di legno e di cartone, un paese in cui girando l’angolo si passa dal 1910 agli anni Settanta. Carretti, insegne, luminarie e mobili d’antiquariato… tutto è stato portato in loco per donare realismo in un angolo che già di per sé è tanto Mediterraneo.