×

CATEGORIE

Arte, Cultura e Curiosità
Buona fortuna Dal film al viaggio Dal libro al viaggio Dal quadro al viaggio Miti e leggende New look Sai perché Stranezze dal mondo Street tour Viaggi da star
Destinazioni

Digital
App & Startup Nuove tecnologie
Italia Travel Awards

Mangiare nel mondo

Partire
Benessere Bimbi a Bordo Borghi d'Italia Esperienze Girl Power Viaggi accessibili Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Shopping
Idee regalo In valigia
Think natural
Ricette di bellezza dal mondo Turismo sostenibile
What's new
Concorsi Eventi Opening Promozioni
Partire | Weekend

Albarella, l’isola privata nell’oasi della laguna sud di Venezia

di Laura Colognesi | Mar 28, 2019
Foto: Gianfranco Cordella

Il suo nome deriva dal pioppo bianco “Populus Alba”, una delle 150 specie arboree che coprono i 528 ettari dell’isola. Sinonimo di eleganza ed esclusività, l’isola privata di Albarella, acquistata per il 30% dal Gruppo Marcegaglia nel 1988 e collegata con un ponte alla terraferma, è immersa nella natura della laguna a sud di Venezia, nel Parco Regionale del Delta del Po. Set di pellicole cinematografiche leggendarie (da “Paisà” di Rossellini a “Ossessione” di Visconti) il Polesine, terra tra i due principali fiumi d’Italia, l’Adige a nord e il Po a sud, che confluiscono nell’Adriatico, colonizzato da Etruschi, Romani e dalla Serenissima, s’estende per oltre 100 km fra borghi marinari e un sistema idroviario unico in Europa con scanni, sacche e valli, dune fossili, oasi e barene. A seguito di alluvioni avvenute nel XII secolo e della deviazione del corso del Po verso Sud tra il 1600 e il 1604 con il Taglio di Porto Viro, ampiamente sfruttato dalla Repubblica di Venezia, i detriti portati dalle piene del fiume Po hanno originato Albarella, dove sono vietate le auto e l’accesso è riservato solo ai proprietari di casa, è l’habitat naturale di daini, fagiani, lepri, aironi, falchi di palude e garzette che vivono liberi fra oltre due milioni di alberi. La sensazione è di entrare in un microcosmo a parte, autosufficiente e non chiassoso, dove dimenticare la frenesia. Rifugio esclusivo degli anni ’80 e ’90 dove più di 2300 investitori hanno acquistato una proprietà immobiliare, si compone di case, ville e appartamenti per le vacanze e due alberghi e attività commerciali.

Foto: Gianfranco Cordella

Ma non per tutti: l’affitto di una casa per una settimana ad agosto oscilla fra i 1200 e i 1800 €, la seconda località balneare veneta più costosa dopo Jesolo (dati Osservatorio nazionale immobiliare turistico 2018 di Fimaa-Confcommercio in collaborazione con Nomisma).
Nell’epoca dei viaggi low cost e del mordi e fuggi, Albarella rimane fedele a se stessa puntando su una clientela internazionale col campo di golf a 18 buche con par 72 e un percorso creato dall'architetto inglese John Dering Harris, su 70 ettari di terreno con uno svolgimento di 6.130 metri, arricchito da ostacoli d'acqua e di sabbia che mettono a dura prova la perizia dei giocatori con dune, laghi e olivelle selvatiche e il porto turistico con 455 posti barca da 6 a 25 metri da cui mollare gli ormeggi verso le acque cristalline di Friuli e Croazia.

Foto: Gianfranco Cordella

Info: albarella.it, open day ogni sabato e domenica previo appuntamento.
CURIOSITA’: nel 2017 è stato girato il film L’isola (Coma profondo) tratto dall’omonimo libro di Stefano Viaro Targa, pubblicato da Editrice Il Torchio e diretto da Ferdinando De Laurentis. Il 10 agosto 2017, l’ultimo giorno di riprese ad Albarella, sull’isola veneta si è abbattuto un tornado che in meno di mezz’ora ha distrutto la località balneare. Da questo punto vista il prodotto cinematografico ha anche un importante valore documentaristico.

Albarella

Leggi tutti gli articoli della nostra rubrica Weekend