×

CATEGORIE

Arte, Cultura e Curiosità
Buona fortuna Dal film al viaggio Dal libro al viaggio Dal quadro al viaggio Miti e leggende New look Sai perché Stranezze dal mondo Street tour Viaggi da star
Destinazioni

Digital
App & Startup Nuove tecnologie
Italia Travel Awards

Mangiare nel mondo

Partire
Benessere Bimbi a Bordo Borghi d'Italia Esperienze Girl Power Viaggi accessibili Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Shopping
Idee regalo In valigia
Think natural
Ricette di bellezza dal mondo Turismo sostenibile
What's new
Concorsi Eventi Opening Promozioni
Mangiare nel mondo

Guida Michelin, presentate le nuove stelle

di Redazione | Nov 13, 2019

La prestigiosa Guida presenta i nuovi astri della cucina italiana

Mangiare in Italia è sempre più invitante. Lo conferma la 65esima edizione della Guida Michelin, da poco presentata a Piacenza che, su oltre 2.000 location, ha incoronato 30 new entry, per un totale di 328 ristoranti stellati, mentre sono 35 i ristoranti 2 stelle Michelin, di cui 2 new entry.

A brillare più di tutti però è lui, Enrico Bartolini, che si è aggiudicato la terza stella per il suo gastronomico all’ultimo piano del MUDEC di Milano, portando a undici il numero di tristellati italiani. Lo chef toscano, originario di Pescia, non si ferma e vanta tra l’altro due stelle Michelin appena assegnate al Glam by Enrico Bartolini (con lo chef Donato Ascani) a Venezia. Non è finita. Gli altri suoi stellati sono il Casual Ristorante di Bergamo Città Alta, La Trattoria Enrico Bartolini al L’Andana Resort di Castiglione della Pescaia (GR) e la Locanda del Sant’Uffizio, Relais del Sant’Uffizio, Cioccaro di Penango (AT), un totale di otto stelle. “Ricerca e sperimentazione, che regalano un tocco d'artista al ricco patrimonio italiano”, nella motivazione che premia Enrico Bartolini al Mudec, Milano, con 3 stelle Michelin. “La città di Milano mi ha accolto tre anni fa, è una città esplosiva, è come vincere la medaglia d'oro alle Olimpiadi”, ha dichiarato emozionato Enrico Bartolini.

Da nord a sud dello Stivale, si riconfermano i tristellati delle passate edizioni: Dal Pescatore di Canneto sull’Oglio, Enoteca Pinchiorri a Firenze, Le Calandre a Rubano, Uliassi a Senigallia, Osteria Francescana a Modena, La Pergola di Roma, Piazza Duomo ad Alba, Il Rosa Alpina di San Cassiano, Da Vittorio a Brusaporto dei fratelli Cerea e Reale di Niko Romito a Castel di Sangro.

piccano, invece, tra le novità Karime Lopez, chef di origini messicane di Gucci Osteria di Massimo Bottura a Firenze. I neo stellati under 35 sono in totale 15, di cui 13 chef 1 stella Michelin e 2 chef 2 stelle Michelin, Donato Ascani di Glam Enrico Bartolini a Venezia e Michelangelo Mammoliti de La Madernassa a Guarene (Cuneo), rispettivamente classe 1987 e 1985. Tra gli altri, in Lombardia vale la pena andare a provare la cucina di Cristian Fagone al ristorante Impronte di Bergamo e quella di Aldo Ritrovato, al ristiorante IT Milano di Gennaro Esposito. E ancora, quella di Davide Puleio, in cucina a L’Alchimia a Milano, che si è aggiudicato anche il Premio speciale giovane chef Michelin 2020, una vera promessa. Sempre più a nord, merita una menzione Mathias Bachmann di Apostelstube a Bressanone, in provincia di Bolzano, mentre in Langa la nuova stella è Bruno Melati del Fre di Monforte d’Alba e in Toscana brilla Nicola Gronchi, chef de Il Parco di Villa Grey di Forte dei Marmi.

Spostandoci a sud, in Campania, i due nuovi giovani stellati sono Adriano Dentoni Litta de La Tuga di Ischia e Luigi Lionetti del Monzù di Capri, a Punta Tragara, mentre la nuova stella under 35 a Napoli è Domenico Candela del George Restaurant, spazio gourmet del Grand Hotel Parker’s. In Puglia infine si sono distinti Pietro Penna, neo stellato del Casamatta di Manduria, in provincia di Taranto e Giuseppe Raciti, di Zash di Riposto, ai piedi dell’Etna.

Leggi qui tutte le notizie di Mangiare nel mondo