×

CATEGORIE

Arte, Cultura e Curiosità
Buona fortuna Dal film al viaggio Dal libro al viaggio Dal quadro al viaggio Miti e leggende New look Sai perché Stranezze dal mondo Street tour Viaggi da star
Destinazioni

Digital
App & Startup Nuove tecnologie
Italia Travel Awards

Mangiare nel mondo

Partire
Benessere Bimbi a Bordo Borghi d'Italia Esperienze Girl Power Viaggi accessibili Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Shopping
Idee regalo In valigia
Think natural
Ricette di bellezza dal mondo Turismo sostenibile
What's new
Concorsi Eventi Opening Promozioni
Destinazioni

Mauritius, una sola isola dalle mille sfaccettature

di Redazione | Dec 03, 2019

Partire in barca per scoprire il fascino da un punto di vista privilegiato

Un’unica isola, tantissime sfaccettature, grazie ad una varietà di colori, profumi ed esperienze che rendono il soggiorno eterogeneo e indimenticabile. Benvenuti a Mauritius. In totale, 2.000 chilometri quadrati di perimetro lambiti dalle acque cristalline dell’Oceano Indiano, a circa 800 km a est del Madagascar. Se l’entroterra è senza dubbio affascinante con i suoi paesaggi lussureggianti, la costa offre scenari sempre nuovi, perfetti da scoprire spostandosi in barca da nord a sud dell’isola.

Partendo da est, tappa d’obbligo è la famosissima Île aux Cerfs, raggiungibile in pochi minuti da diversi approdi in motoscafo, piroga, barca o catamarano. È un must per gli appassionati lo scenografico campo da golf a 18 buche, progettato da Bernhard Langer, unico nel suo genere. Poco più a nord si raggiunge l’Île d’Ambre, l’ideale per un’escursione in kayak tra le mangrovie della laguna. La costa settentrionale è ancora più variegata: il piccolo gruppo di isolotti a nord è una tappa molto amata dai sub. Si fa snorkeling nelle acque cristalline di Gunner’s Coin, dove tra gli anfratti della scogliera nidificano gli uccelli marini, mentre si nuota intorno a Flat Island e Gabriel Island.

Nelle immediate vicinanze di Le Morne, lungo la costa ovest, si apre la piccola Île aux Bénitiers, di appena un chilometro quadrato, punto ideale per nuotare o praticare snorkeling. Si raggiunge da Case Noyale e La Gaulette, da Le Morne, Black River o Flic en Flac e dalla zona settentrionale di Mauritius. Completando il giro dell’isola, si fa tappa a l’Île aux Aigrettes, riserva naturale di 27 ettari, a 800 metri dalla costa sud-orientale. Dal 1985, la Mauritian Wildlife Foundation (MWF) ha disinfestato, ripiantumato e restaurato il 90% di quest’isola corallina reintroducendo piante autoctone, uccelli e rettili e ricreando la riserva naturale ideale per una flora e una fauna introvabili altrove.

Non lontano, nei pressi di Mahébourg, l’Île aux Fouquets testimonia l’importanza di Mauritius sulle rotte commerciali nell’Oceano Indiano. Conosciuta anche come Ile aux Phare, è caratterizzata dalla presenza di un faro del 1864, che guidava le navi verso il porto di Mahebourg, porto importante fino all’inizio del XX secolo, quando gli inglesi trasferirono tutte le operazioni portuali a Port Louis, sul lato opposto dell'isola. Le rovine forniscono ombra dal sole o riparano dal vento e l'Ile aux Phare è quindi un luogo ideale per un picnic, molto amato anche dalla popolazione locale e dai pescatori.

Scopri qui tutte le Destinazioni