×

CATEGORIE

Arte, Cultura e Curiosità
Buona fortuna Dal film al viaggio Dal libro al viaggio Dal quadro al viaggio Miti e leggende New look Sai perché Stranezze dal mondo Street tour Viaggi da star
Destinazioni

Digital
App & Startup Nuove tecnologie
Italia Travel Awards

Mangiare nel mondo

Partire
Benessere Bimbi a Bordo Borghi d'Italia Esperienze Girl Power Viaggi accessibili Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Shopping
Idee regalo In valigia
Think natural
Ricette di bellezza dal mondo Turismo sostenibile
What's new
Concorsi Eventi Opening Promozioni
Mangiare nel mondo

Il cibo a San Francisco

di Redazione | Dec 13, 2019

Dove gli americani si intendono di cucina

San Francisco è famosa tanto per il Golden Gate Bridge e i cable car, quanto per i ristoranti trendy e la buona cucina. Questa fortunata fama si deve soprattutto ad una ricca agricoltura regionale ed a una tradizione culinaria ormai secolare. Tra i piatti tipici della cucina nord californiana è interessante elencarne alcuni e raccontarne soprattutto la storia.

Molti ristoranti locali servono il Joe’s Special. Questo piatto è nato nel 1932 nel locale New Joe’s, quando lo chef disse al frontman di un gruppo musicale, dopo la fine di un loro spettacolo in tarda serata, che in cucina erano rimasti solo spinaci, cipolle, funghi, carne macinata e uova. “Mescolateli insieme” rispose il leader del gruppo e da allora il Joe’s Special è diventato il piatto più famoso del locale e una pietanza tipica della zona.

Hangtown Fry, uno dei piatti forti durante la Gold Rush, combina uova strapazzate, ostriche e pancetta. La miscela è nata a Placerville, allora conosciuta come Hangtown. Alcune fonti attribuiscono questa creazione all’idea di un fortunato minatore, altre alla richiesta come ultima cena di un condannato a morte.

It’s It, altra delizia di San Francisco, ha debuttato nel 1928 nel famoso parco divertimenti di George Whitney, Playland at the Beach. Questo dessert goloso è una combinazione di gelato ricoperto dal cioccolato e biscotti di farina d’avena. Inizialmente si utilizzava solamente il gelato alla vaniglia, ma nel tempo sono state create versioni con molti altri gusti (come cioccolato, menta e cappuccino).

Se vi incuriosisce la storia della cucina e della ristorazione a San Francisco, allora non potete perdere questi “forse non sapevi che…”:

  • San Francisco è la patria di Ron Siegel, il primo chef americano a vincere all’unanimità la competizione giapponese Iron Chef nel 1999.
  • Dai giorni della corsa all’oro, l’odore del caffè torrefatto ha pervaso l’aria di San Francisco. Tre delle principali ditte di caffè negli Stati Uniti hanno iniziato qui.
  • Il Fior d’Italia, situato a San Francisco, è il più antico ristorante italiano negli Stati Uniti.
  • Nel 2006, San Francisco e la Bay Area sono diventate la seconda destinazione degli Stati Uniti ad avere una propria guida Michelin.
  • L’accesso a ingredienti locali freschi e abbondanti è una grande fonte d’ispirazione per gli chef della zona. Nove mercati di agricoltori operano in città, incluso il famoso mercato di Ferry Plaza Farmers, gestito dal Centro per l’educazione urbana sull’agricoltura sostenibile (CUESA).
  • San Francisco è la prima città negli Stati Uniti in cui ha preso piede e si è sviluppato lo Slow Food.
  • Molti chef di San Francisco visitano personalmente il mercato dei contadini di San Francisco presso il Ferry Building ogni martedì e sabato mattina per ritirare i loro prodotti e decidere cosa includere nei loro menu. Gli agricoltori del mercato praticano l’agricoltura sostenibile, integrando tre obiettivi principali: salute ambientale, redditività economica e equità sociale ed economica.

Se avete intenzione di visitare San Francisco, non perdete il Mission District e il Museum of Ice Cream

Leggi tutti gli articoli di Mangiare nel mondo