×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Partire | Novità

The London Resort, la Disneyland britannica

di Eleonora David | Dec 16, 2019

Bisogna aspettare il 2024 per immergersi nella magia di quello che è atteso come il Disneyland britannico. The London Resort (questo il nome) sarà infatti un parco tematico con personaggi di fama mondiale trasformati in attrazioni uniche per diventare il “resort più grande e immersivo del mondo” come si legge in un comunicato stampa.

Il The London Resort sarà caratterizzato da due parchi disposti su 535 acri - l'equivalente di 136 stadi di Wembley. Tre volte più grande degli altri parchi del Regno Unito, avrà 200 acri dedicati a giostre ed esperienze e un quartiere di intrattenimento su misura dedicato a una serie completa di esperienze di ospitalità con 3.500 camere d'albergo.

Uno dei più grandi progetti di costruzione in tutta Europa, il The London Resort sarà situato a soli 17 minuti da Londra, nella penisola di Swanscombe, nel Kent.

Sarà una delle destinazioni più sostenibili del mondo

Le sei terre del The London Resort mirano a diventare la destinazione più sostenibile al mondo grazie anche alla partnership con EDF Energy, oltre a quelle già stipulate con la BBC, ITV Studios e Paramount Pictures.

Sono stati rilasciate indiscrezioni su giostre di "prossima generazione" ed esperienze uniche da aspettarsi quando il parco aprirà nel 2024.

Presentato come uno dei progetti di parchi a tema più ambiziosi mai costruiti in Europa, il TheLondon Resort sarà il primo parco europeo ad essere costruito da zero dai tempi dell’apertura di Disneyland Paris nel 1992. La prima "porta", del resort con due parchi, si aprirà nel 2024 e la seconda entro cinque anni (2029); si prevede che circa il 70% delle attrazioni sarà al chiuso.

Le sei terre del London Resort

L'ingresso al The London Resort avverrà tramite una grande piazza che condurrà i visitatori e gli ospiti dell'hotel nella "The High Street", una strada piena di negozi, ristoranti, hotel, un centro congressi e un parco acquatico.

I visitatori inizieranno il loro viaggio negli Studios, un grintoso e moderno quartiere di successo. Una combinazione vincente di azione esplosiva, inseguimenti auto e spionaggio ad alto rischio.

Appena a nord si trova The Woods, un regno incantato in cui la primavera regna eterna e il confine tra realtà e fantasia si dissolve. Qui, i giovani saranno invitati a sfogliare le pagine di un libro di fiabe e intraprendere avventure che daranno una svolta alle amate storie della buona notte, alle favole e alle fiabe.

Dal bosco, il viaggio attraverso i secoli continua in The Kingdom, un regno immersivo tra spade, stregoneria, draghi e leggende. L'Inghilterra qui verrà ritratta come una terra oscura e antica, un luogo di castelli minacciosi e imponenti tra mistiche leggende arturiane.

A nord si trovano The Isles, una terra di creature giganti, bestie mitiche e avventure tra immaginazione e realtà. La fantastica architettura sbalorditiva si combinerà con magnifici percorsi e tecnologia del 21° secolo.

Il passato inizia a fondersi con il futuro in The Jungle. Antiche rovine di una misteriosa civiltà mesoamericana perduta da tempo si vedranno salendo tra le cime degli alberi. Qui, in un ambiente pieno di antichi segreti, scoperte sorprendenti e strani manufatti mistici, giovani e meno giovani saranno trasportati nel presente da curiosi esploratori.

La terra finale, dedicata a esperienze futuristiche, tra incontri alieni e grandi cavalcate da brivido, The Starport, è una vivace zona di atterraggio nel 23° secolo. Avvierà i visitatori in emozionanti avventure di fantascienza fuori dal mondo, lasciandoli incantati da cose che dovrebbero essere impossibili ma qui non lo sono.

Leggi la nostra rubrica Opening