×

CATEGORIE

Arte, Cultura e Curiosità
Buona fortuna Dal film al viaggio Dal libro al viaggio Dal quadro al viaggio Miti e leggende New look Sai perché Stranezze dal mondo Street tour Viaggi da star
Destinazioni

Digital
App & Startup Nuove tecnologie
Italia Travel Awards

Mangiare nel mondo

Partire
Benessere Bimbi a Bordo Borghi d'Italia Esperienze Girl Power Viaggi accessibili Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Shopping
Idee regalo In valigia
Think natural
Ricette di bellezza dal mondo Turismo sostenibile
What's new
Concorsi Eventi Opening Promozioni
Partire | Weekend

72 ore a Berlino tra hipster e mainstream

di Redazione | Dec 18, 2018

"Berlino è cool". Chi sostiene il contrario? 

Non tentenna la nomea. A 28 anni dalla caduta del muro, la capitale tedesca è città giovane e dinamica. Per molti, viaggiatori compresi, è la città dove tutto succede. Gallerie (400), musei (190), teatri (150), e poi locali, nightlife, eventi, il festival del cinema. Eppure dietro la sua avanguardia, pochi monumenti e nicchie vuote che non rendono onore alla vera capitale d'Europa. Ecco, questo è ciò che ti sembra di aver vissuto dopo i tuoi tre giorni nella capitale tedesca. 72 h, non molto, poca vita notturna, ma sempre qualcosa in più di ciò che avevi in testa tra guide ed articoli online.



Primo giorno:  Atterri a Schonefield, periferia sud ovest. Uno dei 3 aeroporti cittadini. Prendi la metro, prendi sempre la metro: funzionale, puntuale, pulita; arrivi in uno dei quartieri ex DDR, Prenzlauer Berg, fermata (Eberswalder Strabe). Ex dormitorio, ora vivace melting pot. Consigliato per un soggiorno breve: atmosfera hipster, costa poco, linee di metro e tram, poli creativi, laboratori diurni e notturni, spettacoli di vita berlinese. Vale la pena percorrere le due arterie principali, Helmholtzplatz e Wasserturmplatz e passeggiare a Kollwitzplatz tra atelier di arte povera, negozietti e librerie. Ti sposti a piedi tra strade e piazzette alberate, un’atmosfera trendy, alternativa ed emergente ti coccola e riscalda. Lasci perdere i ristoranti, scopri che nel quartiere si mangia a tutte le ore, qualsiasi cucina e a pochi euro. Ti infili in metro, destinazione AlexanderPlatz: simbolo di Berlino Est, i Berlinesi la chiamano Alex. È una delle principali attrazioni nonché luogo di ritrovo per locali e turisti. Decidi di darle un’occhiata. La sovrasta la torre della televisione, è visibile (da quasi) tutti i lati di Berlino (questo ti tornerà utile). Scatta una foto all’ Urania Weltzeituhr un orologio che indica l’ora in tutto il mondo. Si respira tutt’intorno un mood da est europa, più Mosca che Berlino, la Karl Marx Allee è li a ricordarti la storia con Tower Block e casermoni. Decidi di percorrerla, ne rimani affiscinata / o. Se l’atmosfera DDR suscita interesse e curiosità è un must in città. Vuoi capirne di più, vedere una parte di muro…lo trovi all' East Side Gallery poche fermate di metro, è il maggior tracciato in posizione originale del muro di Berlino. Street art da tutto il mondo, murales evocativi, messaggi di pace, scritte e graffiti.  Imperdibile! Da lì ti godi il tramonto seduto/a sui prati lungo il fiume Sprea, con una birra in mano. Passeggi lungo il bellissimo ponte Oberbaumbruke Bridge e ti godi le luci del tramonto come poche altre location possono regalarti.

La mattina successiva ti senti mainstream, opti per la Berlino " turistica " ma pur sempre irrinunciabile. Il giro inzia con la Porta di Brandeburgo, luogo iconico e storico, percorri il viale alberato Unter den Linden. Al lato del lato della Porta il Reichstag, ovvero il parlamento. Dalla cupola di vetro (visitabile) una vista superba della città. Prenota la visita, cerca di farlo con anticipo e goditi il panorama. Passeggi lungo la Strasse des 17 Juni, entri nel parco Tiergarten. Si tratta del più grande parco di Berlino, un polmone verde con prati e laghetti. Rimani in zona visiti il memorial per l’Olocausto nel quartiere Mitte. Un luogo per ricordare e riflettere. Nel pomeriggio ti sposti a Potsdamer Platz: shopping, divertimento ed affari; un altro luogo simbolo ma questa volta ad Ovest. La piazza è molto ampia. C’è il Sony Center a sovrastarla, un gigante di vetro ed acciaio con negozi, uffici e ristoranti. Una visita è d’obbligo. Pranzi in una delle migliori birrerie di Berlino, il LinenBrau. Gusti alcune specialità berlinesi a base di carne: salsicce, schnitzel, stinco e per contorno pretzel, patate e crauti. Il tutto con un’ottima birra. Percorri la Friedrichstrasse arriva al CheckPoint Charlie, un posto di blocco che divideva le due Germanie, il luogo più turistico della città, il simbolo politico di una Berlino divisa, buia, inaccessibile. Una visita fondamentale.                                                                                               

L’indomani, rimane un pugno di ore, vai al Mauer Park. Soprattutto se domenica è il luogo dove andare. È  sempre a PrenzlauerBerg. Di cosa si tratta? Un mercato vintage, stile Portobello Road a Londra: suppellettili domestiche, vestiti, strumenti musicali e biciclette. Compri un souvenir, un ricordo e poi via verso l’aeroporto.  Molto non hai visto ( Kreuzberg, Charlottenburg a esempio), nulla ti vieta il ritorno. Certo Berlino è in continuo mutamento, ogni volta diversa, ogni volta sorprendente: la vera capitale d’Europa!