×

CATEGORIE

Italia Travel Awards

Destinazioni
Estero Italia
Partire
App & Hi-Tech Arte e Cultura Benessere Esperienze di Viaggio Eventi Mangiare in Viaggio Novità Promozioni e Concorsi Shopping Turismo sostenibile Vacanze per Famiglie Viaggi accessibili Viaggi al femminile Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Viaggi Curiosi
Buona fortuna Miti e leggende Sai perché Stranezze dal mondo
Viaggi Curiosi | Miti e leggende

Nel Giardino dell'Eden, il seme più grande al mondo

di Redazione | Apr 20, 2020

Alle Seychelles, la Vallée De Mai patrimonio UNESCO custodisce il Coco De Mer, che deriva il suo nome da una leggenda

Dichiarata patrimonio UNESCO nel 1983, la Vallée De Mai è un parco naturale di quasi 20 ettari caratterizzato da una fitta foresta di palme delle Seychelles. Già area protetta a partire dagli anni ’30, l'area fu dichiarata riserva naturale solo nel 1966. Definita da molti come “Giardino dell’Eden”, la Vallée De Mai conserva al suo interno oltre 1.400 esemplari del leggendario Coco de Mer e diverse specie di uccelli e rettili di estrema rarità come il Pappagallo Nero ed il Camaleonte Tigre.

Il Coco De Mer
Caratterizzato dal seme più grande di qualsiasi altra specie vegetale, del peso di circa 22 kg, è una pianta endemica della famiglia delle palme dal tronco dritto che può raggiungere fino ai 40 metri di altezza, con grandi foglie delle dimensioni di 6 mt di lunghezza per 4 di larghezza. Il Coco de Mer ha un ciclo di vita secolare: 2 anni per germinare, 7 anni dalla fertilizzazione del fiore femminile alla maturità del frutto e 25 anni per la sua fioritura. La pianta deve il suo nome ad una diceria diffusasi negli anni precedenti alla scoperta dell'arcipelago secondo la quale il frutto, che cresceva in origine sul fondale marino, veniva raccolto dai marinai che lo vedevano emergere sulla superficie dell’acqua. In realtà, il suo peso gli consente di galleggiare. Solo nella seconda metà del ‘700, si scoprì che il Coco de Mer aveva invece origine proprio alle Seychelles dove gli esploratori trovarono esemplari di piante femminili e maschili. L’albero femminile, dal quale ha origine il frutto, ha una forma particolare, simile al fondoschiena di una donna - da cui il nome "Coco d'amour"; quello maschile invece si sviluppa all’interno di un suggestivo intreccio dalla forma fallica.