×

CATEGORIE

Arte, Cultura e Curiosità
Buona fortuna Dal film al viaggio Dal libro al viaggio Dal quadro al viaggio Miti e leggende New look Sai perché Stranezze dal mondo Street tour Viaggi da star
Destinazioni

Digital
App & Startup Nuove tecnologie
Mangiare nel mondo

Partire
Benessere Bimbi a Bordo Borghi d'Italia Esperienze Girl Power Viaggi accessibili Viaggi di lusso Viaggi di stagione Viaggi low cost Weekend
Shopping
Idee regalo In valigia
Think natural
Ricette di bellezza dal mondo Turismo sostenibile
What's new
Concorsi Eventi Opening Promozioni
Destinazioni

Magico Sudafrica

di Elisabetta Canoro | Dec 17, 2018

Alla scoperta della Nazione Arcobaleno, per sfuggire al freddo dell'inverno e trascorrere le festività natalizie sotto il sole dell'Africa Australe

Scenari maestosi, litorali inviolati e selvaggio bush. E ancora, spiagge assolate, metropoli multietniche e città adrenaliniche. Benvenuti in Sudafrica. Grande quasi quattro volte l’Italia, incorniciata da 3.000 km di costa e bagnata da due oceani, l’Atlantico, a ovest e l’Indiano, a est, la Nazione Arcobaleno è uno dei più attraenti, stimolanti ed eterogenei Paesi del Continente Africano. Suddiviso in nove province, dalla savana del Mpumalanga alle immacolate spiagge del KwaZulu-Natal, è una terra unica e straordinaria, tutta da scoprire. A cominciare dal Gauteng, dove batte il cuore del Paese, con la sua storia e la sua cultura. L’avventura inizia a Johannesburg, principale hub internazionale. Chiamata affettuosamente Jozi o Joburg dai suoi abitanti, la Città dell’Oro ammalia per la vibrante vita notturna lo shopping. Da non perdere, nel quartiere di Maboneng gli atelier di design e le gallerie d'arte del Market on Main, mentre il Bryanston Organic & Natural Market vende artigianato realizzato con materiali organici e naturali e prodotti a km zero. A sud ovest di Joburg, si estende Soweto, epicentro della lotta all’Apartheid, oggi ricca di luoghi simbolo come la casa-museo di Nelson Mandela, l’Hector Pieterson Memorial, la chiesa Regina Mundi e il modernissimo Soweto Theatre, emblema della riqualificazione dell’area. È nel Gauteng anche Pretoria (Tshwane), sede del governo centrale, con la sua architettura urbanistica dal forte imprinting coloniale e i pregevoli monumenti storici come gli Union Buildings. Il meglio dell’enogastronomia e paesaggi da sogno si assaporano e si scoprono nel Western Cape, tra Città del Capo, le Winelands e la Garden Route. Incastonata in uno scenario ineguagliabile tra la Table Mountain e una suggestiva baia, Città del Capo vanta negozi di design, ristoranti gourmet, musei, storici alberghi di charme e moderni boutique hotel. Appena fuori città si dipanano le Winelands, con tre strade del vino che toccano le cittadine di Franschhoek, Stellenbosch e Paarl, che si snodano tra rilievi montuosi e incantevoli valli ricoperte da vigneti e disseminate di tenute in tipica architettura Cape Dutch. Da Città del Capo a Port Elizabeth si snoda invece per 800 km la leggendaria Garden Route, divisa tra le vallate interne della Route 62 e la lussureggiannte costa frastagliata, da Mossel Bay alla foresta di Tsitsikamma. Custodisce “tesori primitivi” il Limpopo, con la sezione settentrionale del Kruger National Park e la sua biodiversità unica, dove le piante di palude crescono accanto ad enormi baobab. La stessa provincia ospita la Biosfera del Waterberg, riserva Patrimonio UNESCO, caratterizzata da formazioni rocciose ricche di testimonianze di arte boscimana di migliaia di anni fa e plasmata da vaste pianure popolate da un’ampia varietà di flora e fauna selvatica. È un viaggio adrenalinico quello nel Northern Cape, segnato dal Deserto del Kalahari con il parco transfrontaliero Kgalagadi che si estende fino al Botswana tra dune infuocate e arido bush, abitato dagli ultimi boscimani discendenti del popolo San. È invece un’area semidesertica di 55.000 mq il Namaqualand, una “meraviglia della natura” che tra agosto e settembre si trasforma in un giardino floreale di oltre 4.000 specie. Da non perdere Kimberley, storica città mineraria che conserva le antiche miniere di diamanti, come il Big Hole, la più grande cavità artificiale al mondo (è largo 500 m e profondo 240), da cui sono stati estratti 14,5 milioni di carati di diamanti. È una regione dai forti contrasti l’Eastern Cape, con i suoi 500 km di litorale incontaminato segnato da foreste costiere, spiagge e lagune. Per una sosta rilassante si fa tappa a Port Elizabeth, la città principale, incatonato nell’incantevole Algoa Bay. Ad appena 70 km, l’Addo National Park vanta la maggior concentrazione di elefanti nel continente e, sulla costa, permette di avvistare i cosiddetti Big 7 (i grandi 7): elefante, rinoceronte, leone, bufalo, leopardo, balena e squalo bianco. Impervia e rocciosa è la Foresta di Tsitsikamma, perfetta per la pratica di attività all’aria aperta, dai canopy tour al trekking, come i famosi Otter Trail e Dolphin Trail. Nel North West la principale attrazione è Sun City, l’enorme resort rinomato per il suo prestigioso casinò, i campi da golf firmati da Gary Player e le numerose attività dedicate alla famiglia. A soli 12 km, nel cratere di un vulcano spento 1,2 miliardi di anni fa si apre il Pilanesberg National Park, habitat di una fauna variegata e oltre 300 specie di uccelli. Straordinaria anche la varietà di animali selvatici che si possono avvistare nella Madikwe Game Reserve, dove il bush si alterna al terreno sabbioso. Nel KwaZulu-Natal, l’Isimangaliso Wetland Park è un incredibile mix di otto ecosistemi e patrimonio UNESCO, dimora di una ricca avifauna, di coccodrilli e ippopotami. Tra dicembre e gennaio vi depositano le uova le tartarughe liuto. È protetta dall’UNESCO anche l’imponente catena montuosa Ukhahlamba Drakensberg, un tesoro paesaggistico unico con il vertiginoso Amphitheatre (parete rocciosa di basalto alta 1.800 metri), il Cathedral Peak, il Giant’s Castle e le Tugela Falls, seconde al mondo per altezza. Paradiso per gli appassionati di sport di montagna, i Drakensberg custodiscono pitture rupestri di 2.000 anni fa. Si stagliano invece sulla costa i grattacieli di Durban, città emblema del melting pot sudafricano, dove convivono cultura zulu, indiana e inglese. Si anima attorno al “Golden Mile”, tra l’estesa lingua di sabbia balneabile e il lungomare Marine Parade costellato di grandi alberghi internazionali, centri commerciali, ristoranti e aree di svago. Il Free State ha dato i natali a J.R.R Tolkien, autore de Il Signore degli Anelli, originario di Bloemfontein. Ospita invece una vivace comunità di artisti che hanno aperto originali atelier, ristoranti e locali, Clarens, incantevole cittadina incorniciata da un paesaggio di rocce in arenaria. È apprezzata per le sue sculture naturali in arenaria, plasmate dall’effetto dell’acqua e del vento, il Golden Gate Highlands Park, unico parco nazionale sudafricano con pascoli erbosi, dimora di aquile nere, avvoltoi, zebre e antilopi. Meta imperdibile per il safari e l’avvistamento dei Big Five, il Kruger National Park, è il più antico parco nazionale del Paese. Si estende nella provincia di Mpumalanga, dove si snoda anche la Panorama Route, un itinerario da percorrere in auto lungo il Blyde River Canyon, il più grande canyon verde al mondo.

Viaggiare informati

Fuso orario: + 1 ora quando in Italia vige l’ora legale. Vaccinazioni: consigliata la profilassi antimalarica nelle zone nord-orientali. Valuta: Rand sudrafricano (1 euro= 14 rand) Documenti: passaporto in corso di validità per 30 giorni successivi alla data di rientro e deve avere 2 pagine libere. Visto non è richiesto ai viaggiatori con passaporto italiano, fino a un massimo di 90 giorni di permanenza in Sudafrica. Elettricità: 220/240 volt e 50 Hertz al secondo. Popolazione: il Sudafrica conta più di 53 milioni di abitanti. Circa l'80% della popolazione sono di origine africana, 4,4 milioni circa sono bianchi, i coloured sono circa 4,2 milioni e gli indiani/asiatici circa 1,2 milioni. Lingua: le lingue ufficiali sono 11, l’inglese è molto diffuso.  Le altro sono l’Afrikaans, isiNdebele, isiXhosa, isiZulu, Sepedi, Sesotho, Setswana, Siswati, Tshivenda e Xitsonga. Religione: circa l'80% della popolazione è cristiana. Gli altri maggiori gruppi religiosi sono induisti, musulmani, ebrei e buddisti. Clima: temperato, le stagioni sono invertite, l’estate va da ottobre a marzo. Quando andare: il Sudafrica si può visitare tutto l'anno. Il periodo migliore per osservare la fauna selvatica è l'inizio della primavera, tra agosto ed ottobre. Le balene si avvistare tra luglio e novembre. Se siete appassionati di diving e surf i mesi migliori vanno da aprile a settembre.

Per informazioni: www.southafrica.net


nella zona di Madikwe, a partire da 1.180 euro a persona, voli inclusi.